Paolo Sambo

Tel. +41 76 811 46 94

e-mail: paolo@centroilponte.ch

Un po’ di me…

Una domanda che spesso mi viene fatta è: “come mai hai scelto lo shiatsu?!”
Io rispondo che il mio incontro con lo shiatsu è stato amore al primo…tocco!

Durante un periodo particolarmente difficile della mia vita, decisi di affrontare le difficoltà affidandomi a “qualcosa di nuovo” che potesse farmi stare bene innanzitutto. Mi dissi che se corpo e mente sono in armonia, ogni ostacolo sembrerà così meno arduo…

Optai per lo shiatsu su consiglio di un’amica. Ne avevo vagamente sentito parlare.
Da ricevente, me ne innamorai subito, ma non collegai immediatamente l’ipotesi di poterlo imparare.

Qualche anno dopo, ecco quello che spesso chiamiamo “click”: presi il coraggio a due mani e mi iscrissi all’Istituto Shiatsu Metodo Namikoshi di Locarno, iniziando inconsapevolmente un percorso fatto di grandi cambiamenti, quelli che in fondo cercavo.

Mi sono diplomato nel 2016, dopo un triennio di incredibile evoluzione personale, presentando la tesi finale dal titolo “La dismenorrea”, ovvero come lo shiatsu può alleviare i disturbi mestruali.

Successivamente, ho voluto approfondire le mie conoscenze presso la Escuela Japonesa de shiatsu di Madrid, sotto la guida del prestigioso maestro Shigeru Onoda, in cui ho sperimentato svariate tecniche avanzate di quella che io considero una vera arte. Ero ormai sicuro di volerne fare la mia professione!

Contemporaneamente conseguivo il titolo di terapista complementare presso CPS di Lugano e, una volta ottenuta l’autorizzazione cantonale, potevo finalmente dar vita a quanto sognato: essere un terapista shiatsu!

Un cammino non sempre facile che mi ha portato a lasciare il famoso “lavoro sicuro” per dedicarmi ad una disciplina a cui sono grato e che cerco quotidianamente di esprimere dal mio profondo più che dall’affinamento costante della tecnica, importantissima ma non esaustiva.

Negli ultimi anni ho poi voluto arricchire le mie conoscenze, allargandole al massaggio giapponese specifico del viso e all’auricoloterapia, la riflessologia dell’orecchio.

E via di ripartenza verso nuove esperienze: il viaggio a Tokyo, nella culla dello shiatsu, dove ho potuto confrontarmi con maestri e colleghi giapponesi, l’attività indipendente presso Swiss Medical Clinique di Lugano e Studio Osteopatia Guidi di Viganello a cui esprimo tutta la mia gratitudine per avermi fatto crescere sotto molteplici aspetti.

Il 2019 resta per me un anno di grande importanza per due motivi principali: l’autorizzazione da parte di Namikoshi Shiatsu Europe a poter insegnare e l’apertura del Centro “Il Ponte” assieme a Elena.

Concludo questo mia breve presentazione con quello che è il mio obiettivo di terapista: riuscire a trasmettere il “sentire”, “il percepire se stessi”. Ascoltarsi è sempre un primo, grande passo verso il miglioramento del proprio stato di salute.

Corpo e mente hanno bisogno di tempo per il cambiamento, scopo di un valido percorso terapeutico. Allora, dedichiamoci questo tempo: sarà un momento di valore inestimabile!

Paolo